Gerry Weber Vando 07 G15517mi61710 Grigio

B074XPPGDY
Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio
  • scarpe
  • _
Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio Gerry Weber Vando 07 - G15517mi61710 Grigio

PROCOSMET

Citywire - Per Investitori Professionali

Registrati
Login
Registrati gratuitamente per ricevere le nostre email con le ultime notizie, le analisi e i commenti da Citywire Italia. Per registrarsi basta un minuto.
Registrati per ricevere avvisi email
Di Redazione

Invia a un amico:

Email inviata con successo

Giovanni Battista Mazzucchelli che dal 30 maggio non sarà più consigliere e amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni percepirà 4,6 milioni a titolo di indennità di fine rapporto e 1,6 milioni come corrispettivo per impegni di non concorrenza.

Giovanni Battista Mazzucchelli Cattolica Assicurazioni

Lo dice una nota della compagnia aggiungendo che gli impegni di non concorrenza prevedono l'astensione fino al 31 ottobre dallo svolgimento di attività analoghe a quelle svolte in Cattolica e fino al 30 aprile 2018 da condotte di storno nei confronti del gruppo, dice una nota.

A Mazzucchelli verranno corrisposti inoltre 68.889 euro relativi alla quota differita della remunerazione variabile maturata in relazione al raggiungimento dei risultati di breve periodo riferiti all'esercizio 2016.

Mazzucchelli sarà sostituito da Alberto Minali a partire dall'1 giugno.

Email inviata con successo
Effettua il login o registrati per commentare. La registrazione è gratuita e richiede solo pochi minuti.
Registrati Login
News sponsored by:
I più letti

SONDAGGIO

Skip survey header
Cover Stars

Il mondo della consulenza è in fermento. L’introduzione della persona giuridica per i soggetti abilitati a svolgere l’attività di consulenza fuori sede rappresenta uno degli snodi principali per i consulenti. Ne abbiamo parlato con Anna Baldassarri.

Citywire Italia on Twitter
Tweets by Citywire_Italia
BUSINESS COMMUNITY

Il professionista era stato sospeso a inizio aprile, ma un decreto presidenziale e un'ordinanza collegiale del Tribunale lo hanno reinserito nell'Albo dei consulenti finanziari.

Tweets by Citywire_Italia
Torna su

© 2018 citywire.it. Tutti i diritti riservati Statistiche sul rendimento dei fondi: Lipper Limited Copyright. Vizualizza i limiti e le restrizioni all' uso.

­
BREAKING

WAL, il metodo “salva memoria”

Salute Celiaci, arriva la pillola che consente di trasgredire
Salute

Celiaci, arriva la pillola che consente di trasgredire

Con circa 100mila malati consapevoli, e altri 500mila “inconsapevoli”, la celiachia è ormai diventata una patologia familiare per tanti italiani. Durante la campagna di sensibilizzazione sulle intolleranze al glutine sono stati ospitati, nelle 310 farmacie italiane aderenti, gli incontri tra gli esperti Adi (Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica) e la popolazione, per consulti nutrizionali e informativi; nutrizionisti e gastroenterologi hanno risposto anche telefonicamente a dubbi e curiosità. Le domande più frequenti rivolte agli specialisti, impegnati nella campagna hanno dimostrato quanto fondamentali siano la corretta informazione e la consulenza dietetica di specialisti esperti sia verso i pazienti sia verso i genitori dei bambini celiaci. La maggior parte delle domande ha riguardato le tappe per arrivare alla diagnosi, gli esami da effettuare, le figure mediche da consultare e soprattutto la possibilità di concedersi ogni tanto qualche strappo nella dieta. Attualmente è possibile diagnosticare con precisione la malattia celiaca e fare una diagnosi attraverso appositi test clinico-strumentali e adeguati algoritmi. E proprio per le persone celiache che vogliono trasgredire, senza rischi, alla dieta gluten free è in arrivo, dopo molti anni di studio, una pillola; messa a punto dal ricercatore Hoon Sunwoo, insegnante di scienze farmaceutiche presso l’Università di Alberta in Canada, convinto che il prodotto, in fase avanzata di sperimentazione, potrà essere presto commercializzato, mancano infatti solo le analisi di efficacia. E’ comunque importante ricordare che la pillola non cura la celiachia, ma permette di consumare occasionalmente glutine senza provocare danni all’intestino e senza fastidiosi sintomi. L’idea dei ricercatori è stata quella di utilizzare gli anticorpi contenuti nel tuorlo dell’uovo per ricoprire il glutine, in modo che esso possa semplicemente attraversare l’organismo senza creare problemi. La pillola si potrà assumere 5 minuti prima del pasto “a rischio” per ottenere una protezione di circa 2 ore dagli effetti del glutine. Secondo la dottoressa Chimenti, sapere di poter trasgredire nella dieta senza rischi per l’organismo è una condizione che assicura al celiaco quella sorta di benessere che spesso viene attutito dall’impossibilità di consumare certi cibi. Questa pillola potrà offrire nuovi spunti di alimentazione occasionale a coloro che non riescono ad abituarsi all’idea di mangiare senza glutine e risolvono problemi di assenza di prodotti adeguati magari quando si è fuori o in luoghi di divertimento. Una scoperta che aiuta a vedere la malattia da un altro punto di vista. Una volta dimostrate efficacia e salubrità la pillola potrà essere commercializzata.

Bimestrale indipendente fondato da Maria Panetta e Matteo Maria Quintiliani : Domenico Renato Antonio Panetta :Valeria Della Valle, Alessandro Gaudio, Matteo Lefèvre, Maria Panetta, Italo Pantani, Giorgio Patrizi, Ugo Perolino, Paolo Procaccioli, Giuseppe Traina : Maria Panetta, Sebastiano Triulzi

⇓ A. IV, fasc. 1 (19), 25 febbraio 2018

Autore di Antonio D'Ambrosio

Pubblichiamo l’intervista concessaci il 23 febbraio 2015 dal romanziere Mario Desiati, autore del , edito da Mondadori nel 2013.

L’unica cosa ufficiale nella mia vita al momento è che sono giornalista pubblicista! Comunque, a furia di lavorare nel campo editoriale, a un certo punto si dismette uno sguardo innocente su qualunque libro ti approcci: hai lo sguardo corrotto. Siccome sono corrotto su tante cose, almeno nella lettura, che è la fonte della scrittura, credo di voler mantenere questo orto di innocenza. Ovviamente, dato che l’unica cosa che so fare è lavorare coi libri, sfrutto la scrittura per campare. Ma scrivere solo libri non basta. Adesso, per esempio, sto lavorando molto con la letteratura per ragazzi, in un progetto che mi vede attivo su un altro fronte, ma vivere di scrittura è molto complicato. Non si scrivono solo romanzi, ma bisogna ampliare le proprie collaborazioni coi giornali, i quali, ahimè, oggi pagano sempre meno. Si vive, poi, soprattutto di anticipi. È da circa un anno e mezzo che faccio questa vita, che mi permette di studiare e stare dietro a un progetto narrativo che porto avanti, ormai, da molti anni, dal 2005/2006, e che aveva alla base come tematica la pornografia. Detto così sembra abbastanza stucchevole perché è stato trattato da molti, ma io lo voglio considerare in maniera molto alta, come un luogo dell’anima: voglio mostrare come un personaggio nella pornografia investa la parte migliore di sé.

Libro dell’amore proibito Esattamente. Ti dirò di più: il libro che sto scrivendo è pornografico in senso stretto. È da un anno e mezzo, ormai, che mi sto dedicando a questo progetto. E ho fatto anche una cosa che non ho mai fatto prima: ho ingaggiato, pagando a mie spese, un editor, in modo tale da avere una persona con cui confrontarmi quotidianamente. Gli mando ogni capitolo e mi fa tutte le obiezioni.

Beh, sì: l’editing è la presenza dell’editore. Mi viene in mente Antonio Franchini, uno dei più grandi editor italiani viventi, che, in un saggio uscito su «Nuovi Argomenti» almeno una ventina d’anni fa, I lettori editoriali, parte da un’idea romantica del lettore di manoscritti, definendolo come una persona che dorme nella stanza da letto con uno sconosciuto, condividendo, quindi, con lui una cosa molto intima. E aggiungeva che la storia della letteratura è fatta dai funzionari editoriali ˗ come li chiama lui ˗, da intermediari culturali. Non esiste libro che non sia passato da un editore: persino la tradizione orale è stata lavorata ˗ anche solo oralmente ˗ da funzionari! Condivido questa concezione: gli scrittori nella storia della letteratura hanno sempre avuto un primo lettore grazie al quale molte stesure sono migliorate. L’editor ovviamente deve metterci passione e, secondo me, per lavorare al meglio il libro deve piacergli: se per contratto devo sottoporre a un editore un mio manoscritto che non lo convince, che editing può farmi? Oppure, se gli interessa solo un’idea del libro, ma è l’idea sbagliata, finirà per cassare le parti migliori. È molto pericoloso fare editing con una persona in cui non hai fiducia e che non ha fiducia in te.

Il libro dell’amore proibito Il libro dell’amore proibito era parte di un… catalogo di racconti. Catalogo è la parola giusta: c’era un vero e proprio progetto sugli amori proibiti, che doveva avere il titolo di Il catalogo degli amori proibiti. Questo racconto che è uscito da solo in una collana del «Corriere della Sera» ebbe molto successo. Sentivo sinceramente di non aver esaurito le mie argomentazioni e, così, il testo mi è scoppiato in mano, divenendo un romanzo breve. È diverso sia da un romanzo che da un racconto: è un oggetto non identificato per l’editoria. Su questa stesura, dopo aver eliminato i cinque racconti che componevano il catalogo, ho lavorato per inserire delle modifiche, completando sostanzialmente dei personaggi, come Pippo Lanzillotti, lo psicologo, e Nappi, che diventa poliziotto e subisce il processo.

Devo dire che il tradimento non l’avevo considerato: sei il primo che mi dà questo sguardo nuovo! Giustissimo quando parli di colpa: una questione che è sempre stata legata al cinema e alla letteratura, da Kafka a Fantozzi, è quella del capro espiatorio. In un paese moralista e moraleggiante quale l’Italia, Donatella e Veleno rappresentano da questo punto di vista il male assoluto, non avendo filtri nella realtà. Quindi se parliamo ˗ come dicevi ˗ di tradire regole prestabilite, allora sì.

Sì. Si tratta di una sinestesia sintattica. Ho usato questo espediente anche per mettere un po’ a disagio il lettore. Di solito, s’imboccano due strade per rivolgersi al lettore: ammiccare o mettergli dei punti interrogativi. Io preferisco gli scrittori che mettono a disagio (non a caso citavo prima Kafka), soprattutto perché ti mettono davanti la realtà. Riesci, così, a vederla in maniera diversa: questo dovrebbe essere il fine della letteratura. In ogni rigo del mio romanzo c’è sempre un conflitto tra me e il lettore. E sinceramente non penso mai a quello che gli potrebbe piacere. Questo l’ho imparato a mie spese. Avevo ventiquattro anni, non era ancora uscito il mio primo libro, ma sapevo che avrei pubblicato con una casa editrice, PeQuod, che oggi esiste limitatamente alla città di Ancona. Iniziai a bazzicare nel mondo dell’editoria, leggendo manoscritti, redigendo schede di lettura. Stare per anni in posti in cui i manoscritti arrivavano mi dava un delirio di onnipotenza. Non li leggevo tutti ovviamente, ma me ne portavo a casa un buon numero: li sfogliavo, cercando di capire cosa ci fosse dentro. Ero talmente “avvelenato” che la persona con cui lavoravo quel periodo mi portava dietro con sé a seguire delle lezioni di alcuni master. Una volta ci trovammo a Milano Marittima per un incontro e avevo già firmato il contratto per il mio primo libro. A un certo punto mi fece delle domande, ad esempio «cosa ti aspetti dal lettore?», «cosa scriverai?»… Nelle risposte aggiunsi che pensavo di seguire ciò che il mio lettore si aspettasse. E il mio editore mi rispose che avevo sbagliato a pubblicare con lui e che sarebbe stato meglio se mi fossi trovato un editore che ammicca al lettore. Mi chiese, poi, quali erano i libri che mi piacevano: erano tutti quei libri in cui l’autore non ammiccava al lettore.

Non ho molta fiducia nell’editing delle case editrici: una decina di anni fa c’era una maggiore cura e attenzione per tutti gli autori, mentre oggi per alcuni autori questa cura non c’è. Per quelli affermati, che non devono aspettare, su cui si punta per aumentare il fatturato, si procede a un editing molto rapido. Ho preferito, perciò, sottoporre il mio manoscritto a un editor, Edoardo Albinati, e mi sono fatto fare a mie spese un editing. È stato un lavoro abbastanza invasivo. Fatto ciò, l’ho consegnato a Mondadori, il cui editing si può dire sia stato sostanzialmente una correzione di bozze. Del romanzo c’è stata una prima stesura, risalente al 2011, dal titolo È proibito amare, di una novantina di pagine, sulla quale ho lavorato in seguito da solo. È stata sottoposta a un agente, il cui lavoro non mi convinceva molto. L’ho, perciò, proposta ad Albinati (nel 2012), che l’ha editato in maniera pregevole. Inserite le correzioni, gliele ho sottoposte nuovamente e ha fatto un’ulteriore revisione. Dopo tutto questo iter il romanzo è arrivato a Mondadori, presso cui è uscito a ottobre del 2013.

Sì. Io lo presentai come , ma Albinati mi aveva proposto , che divenne poi . Alla fine, con Mondadori siamo ritornati al titolo originale.

Cerca negli articoli

Direttore responsabile: Domenico Panetta Editore: Diacritica Edizioni di Anna Oppido Via Tembien n. 15 – 00199 Roma Impresa individuale, iscrizione R.I. Roma REA n. 1431499 P. I. 13834691001

Redazione: Davide Esposito, Maria Panetta Indirizzo: Via Tembien n. 15 (int. 12) - 00199 Roma Email: [email protected]

Registrazione Tribunale di Roma: n. 278/2014 del 31/12/2014 Iscrizione ROC: n. 25307 Codice ISSN: 2421-115X Codice CINECA: E230730

Provider: Server Plan Srl con sede in Via G. Leopardi 22 - 03043 Cassino (FR) Angelliu Donna Intrecciato Sandali Con Zeppa Casual Zeppe Scarpe Da Ginnastica Verdi

Community

Followers 0

By Eli Linden

Cos'è la complessità di rendering dell'avatar?

La complessità di rendering dell'avatar è un punteggio numerico che rappresenta la difficoltà di disegno dell'avatar, compreso tra alcune centinaia e centinaia di migliaia. Viene influenzato dalla forma, dai vestiti e dagli elementi collegati dell'avatar. Poiché gli avatar sono tra gli oggetti può dettagliati dal punto di vista visivo in Second life, gli avatar con punteggi vicini al massimo della gamma possono influenzare in maniera significativa le prestazioni del Viewer di Second Life. È importante essere coscienti della propria complessità e di quella dei propri vicini per poter gestire le prestazioni del Viewer e il modo in cui il proprio avatar influenza le prestazioni di altri residenti di Second Life.

Quando cambi ciò che indossa il tuo avatar, o se aggiungi o rimuovi uno degli all'avatar, viene visualizzato un avviso nell'angolo in alto a destra dello schermo che indica il nuovo valore della complessità dell'avatar.

Se l'eventualità che gli altri Residenti non vedano il tuo avatar non è un problema e preferisci non ricevere questi avvisi, puoi disattivare l'opzione nella scheda Notifiche della finestra Preferenze, a cui puoi accedere selezionando.

Avvisami se la complessità del mio avatar è eccessiva Io > Preferenze

Gli avatar possono essere visualizzati come silhouette a tinta unita (un tipo speciale di detto ) se superano il limite di complessità dell'avatar impostato con ilcomando a scorrimento nella finestra Preferenze avanzate grafica. Ciò consente di ridurre notevolmente le risorse utilizzate dal computer per disegnare avatar complessi, migliorando così le prestazioni.

Complessità massima

Il valore predefinito della Complessità massima dipende dalle caratteristiche del computer e dal livello di grafica selezionato, ma può essere regolato manualmente nella finestra Preferenze avanzate grafica.

Grafica Impostazioni avanzate

Ci sono altri fattori meno comuni che possono far sì che un avatar sia visualizzato in modalità JellyDoll, come indicato in

Esegui il rendering completamente

Se alcune persone attorno a te visualizzano il tuo avatar come , il loro Viewer segnala il fatto ai server di Second Life. I server ti inviano quindi un messaggio che ti informa, in termini generali, che i Residenti nelle vicinanze non eseguono correttamente il tuo rendering. Il messaggio di notifica include anche il valore della complessità del tuo avatar e viene aggiornato se uno dei fattori cambia in maniera significativa.

Latitudini, storie e culture

Subscribe to D360 newsletter

Follow us

Contact us

@ ARCADIA S.R.L. - Corso Buenos Aires, 54 -20142 Milano - C.F. P.IVA 06710600963 | Our terms | Privacy policy | Cookie policy